LE RISORSE ANNUNCIATE, MA NON DISPONIBILI, NON APRONO NUOVI CANTIERI

Ho letto con grande interesse l’articolo comparso sull’inserto “Economia” del Corriere della Sera del 25 settembre scorso e relativo alla inchiesta sulle costruzioni congelate. Lorenzo Salvia, nel titolo, precisa “Cento miliardi per i prossimi quindici anni: gli stanziamenti ci sono, ma i cantieri non ripartono. È il paradosso dell’uscita dalla Grande Crisi”.

Ebbene, come già in miei precedenti interventi, ho cercato di dimostrare, in modo ben dettagliato, che non  ci sono le necessarie coperture finanziarie e che, a mio avviso, il Codice degli Appalti finisce per essere uno strumento utilissimo per motivare il mancato avvio delle opere e quindi il blocco degli investimenti.

Vorrei ricordare che, dopo la dichiarazione del Presidente Gentiloni sullo sblocco di 47 miliardi di € per le infrastrutture, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha prodotto le tabelle di copertura reale, per il triennio 2017, 2018, 2019, del comparto infrastrutture.

In particolare nel 2017, le disponibilità sono pari a 1.166 milioni di €, nel 2018 2.762 milioni di €  e nel 2019 3.160 milioni di € e se entriamo, ad esempio, nel comparto ferroviario, troviamo una disponibilità per il 2017 di 285 milioni di €, per il 2018 di 805 milioni di € e per il 2019 di 875 milioni di €.

Questi dati giustamente sono noti al mondo dei costruttori, al mondo dell’ANCE; un mondo che vive sulla propria pelle una delle crisi più pesanti che, anno dopo anno, sta rendendo irreversibile il crollo di un comparto che  ha una incidenza diretta e determinante sulla crescita del PIL

Per convincersi ulteriormente della limitata disponibilità delle risorse per investimenti in infrastrutture è sufficiente leggere il Decreto Legislativo 93 del 12 maggio 2016 entrato in vigore il 16 giugno 2016; negli articoli 1 e 2 viene ribadito:

Art. 1

Piano finanziario dei pagamenti – Cronoprogramma

  1. Dopo il comma 1 dell’articolo 23 della legge 31  dicembre  2009, n. 196, è inserito il seguente:

  «1-ter. Ai  fini  della   predisposizione   per   ciascuna   unità elementare  di   bilancio,   ai   fini   della   gestione   e   della rendicontazione  delle  proposte  da  parte  dei  responsabili  della gestione dei programmi, le previsioni pluriennali di competenza e  di cassa, sono formulate mediante  la  predisposizione  di  un  apposito piano finanziario dei pagamenti (Cronoprogramma), il  quale  contiene dettagliate indicazioni sui pagamenti che si  prevede  di  effettuare nel periodo di riferimento, distinguendo la quota della dotazione  di cassa destinata al pagamento delle somme iscritte in conto residui da quella destinata al pagamento  delle  somme  da  iscrivere  in  conto competenza. Le dotazioni di competenza, in ciascun anno, si  adeguano a  tale  piano,  fermo   restando   l’ammontare   complessivo   degli stanziamenti autorizzati dalle leggi in vigore.».

Art. 2

Leggi di spesa pluriennale

  2. Le amministrazioni centrali dello Stato possono assumere impegni nei limiti dell’intera somma indicata dalle leggi di cui al comma  1. I relativi pagamenti devono, comunque, essere  contenuti  nei  limiti delle  autorizzazioni  annuali  di  bilancio. Le somme stanziate annualmente nel bilancio dello Stato, relative ad autorizzazioni di spese pluriennali, non impegnate alla  chiusura  dell’esercizio,  con l’esclusione  di  quelle  riferite ad  autorizzazioni   di   spese permanenti, possono essere  reiscritte,  con  la  legge di  bilancio, nella competenza degli esercizi  successivi  in  relazione  a  quanto previsto  nel piano finanziario  dei  pagamenti,  dandone  evidenza nell’apposito allegato di cui al comma 1.».

 

Appare pertanto evidente che la manovra finanziaria dello Stato ormai avviene solo “per cassa”, cioè solo a valle di certezze finanziarie previste in appositi cronoprogrammi da cui sarà possibile evincere la “reale disponibilità delle risorse garantite dal Ministero dell’Economia e delle Finanze”; il resto, ripeto ancora una volta, è solo una “gratuita dichiarazione di intenti” che in passato produceva consenso nel breve periodo e dissenso nel medio periodo, oggi non produce consenso neppure nel breve, perché tutti, ripeto tutti, abbiamo ormai compreso che è crollata la credibilità di chi usa tali forme mediatiche.

Mi dispiace per il Presidente dell’ANCE Giuliano Campana, che stimo ed apprezzo, ma forse sarebbe bene che proprio l’ANCE denunciasse in modo forte che non è pagante annunciare l’esistenza di risorse nel comparto delle infrastrutture e poi creare itinerari lunghi per giustificare impegni, purtroppo, non disponibili nel breve periodo. Operando in tal modo inevitabilmente si distrugge uno dei comparti chiave dell’economia del Paese.

Voglio concludere queste brevi mie considerazioni riportando una dichiarazione del Presidente Campana riportata sempre nell’inserto “Economia” del Corriere della Sera, Campana dichiara: “Sbloccando i finanziamenti per le grandi opere ci sarebbe lavoro per tutti, perché i grandi cantieri creano indotto a cui possono accedere anche le piccole e medie imprese”. Mi spiace solo che l’ANCE lo abbia compreso troppo tardi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: